La cooperativa

La scopo mutualistico

 

La cooperativa sociale di comunità è un modello di innovazione sociale che crea sinergia e coesione in una comunità, mettendo a sistema le attività di singoli cittadini, imprese, associazioni e istituzioni rispondendo così ad esigenze plurime di mutualità. Lo scopo mutualistico legato alla promozione umana ed alla integrazione sociale dei cittadini avviene anche attraverso l’integrazione lavorativa di persone disabili, svantaggiate ed emarginate come dispone l’articolo 1) della Legge 8 novembre 1991 n. 381 lett. b).

La Cooperativa è retta e disciplinata secondo il principio della mutualità senza fini di speculazione privata ed ha per scopo quello di:

  1. a) Svolgere la propria attività nei confronti dei soci consumatori o utenti di beni e servizi;
  2. b) Avvalersi, nello svolgimento della propria attività, delle prestazioni lavorative dei soci;
  3. c) Avvalersi, nello svolgimento della propria attività, degli apporti di beni e servizi da parte dei soci.

 

La sostenibilità delle attività economiche si declina promuovendo, in particolare, l’integrazione e la valorizzazione dei soggetti più fragili della comunità territoriale con attività cooperative in grado di recare benessere ai soggetti disagiati sul piano psicofisico, economico, sociale, ambientale, favorendo lo sviluppo e agevolando il loro diritto al lavoro, la trasmissione di esperienze intergenerazionali all’interno della comunità e sostenendo i lavoratori con disabilità, ai sensi della legge 12 marzo 1999, n. 68 e successive modifiche, a beneficio di tutta la filiera attiva nel territorio e della cultura inclusiva della comunità. La tutela dei soci lavoratori viene esercitata dalla Cooperativa e dalle associazioni di rappresentanza, nell’ambito delle leggi in materia, degli istituti sociali e dei regolamenti interni.

 

LO SCOPO COMUNITARIO

Il suo fine è valorizzare le risorse territoriali, le competenze, le vocazioni e le tradizioni culturali della comunità di Rieti e della sua provincia con l’obiettivo di produrre vantaggi a favore della comunità territoriale di riferimento,  alla quale i soci promotori appartengono od eleggono come propria; di soddisfare i suoi bisogni, migliorando la qualità sociale ed economica della vita di chi la abita e vi opera e favorire le condizioni per contribuire all’aumento della popolazione residente, a rafforzare il sistema produttivo integrato, ad operare per la solidarietà sociale e a valorizzare le risorse e le vocazioni territoriali e delle comunità locali.

Al fine di contrastare fenomeni di spopolamento, declino economico, degrado sociale ed urbanistico, criticità ambientali, promuove la partecipazione della popolazione residente alla gestione dei beni o dei servizi collettivi, valorizzando le competenze della popolazione, le tradizioni culturali e le risorse territoriali, attraverso lo sviluppo di attività economiche sostenibili volte al mutuo scambio di beni e servizi, al recupero di beni ambientali e culturali, alla riqualificazione delle infrastrutture e del patrimonio immobiliare pubblico nonché alla creazione di nuova domanda di lavoro e di nuove opportunità di reddito.

Pertanto, la cooperativa opera nell’interesse generale della comunità indicata, ispirandosi a criteri di sostenibilità e sviluppo integrato del territorio, in particolare:

  • Nelle aree interne della provincia, caratterizzate da minore accessibilità sociale, economica e di mercato, che si traducono in rarefazione dei servizi, dispersione scolastica e presenza di marginalità sociali;
  • Nell’area della città e del comune di Rieti, caratterizzata da minore accessibilità sociale, economica e di mercato, che si traduce in rarefazione dei servizi, dispersione scolastica e presenza di marginalità sociali
  • Nelle altre aree della provincia, in quanto interdipendenti con le aree interne e l’area della città per le capacità di sviluppo locale.

I SOCI DELLA COOPERATIVA

Queste le tipologie di soci:

  • soci lavoratori, vale a dire persone fisiche, che per professione, capacità effettiva di lavoro, attitudine e specializzazione professionale maturate nei settori di cui all’oggetto della Cooperativa, possono partecipare direttamente all’attività della Cooperativa e cooperare al suo esercizio ed al suo sviluppo, realizzando lo scambio mutualistico attraverso l’apporto delle proprie prestazioni lavorative; ne fanno parte anche le persone svantaggiate come individuate dalla L. 381/91 e nella misura da essa prevista
  • soci utenti e consumatori, persone fisiche e giuridiche che usufruiscono, anche indirettamente, dei beni e servizi della Cooperativa possibilmente, compatibilmente con le capacità della cooperativa, alle migliori condizioni economiche e di qualità rispetto a quelle ottenibili sul mercato, tutelando gli interessi, la salute e la sicurezza dei soci suddetti
  • soci conferenti, persone fisiche e giuridiche che conferiscono beni e servizi alla Cooperativa, mediante l’ottenimento di condizioni migliori rispetto a quelle di mercato, sempre compatibilmente con le capacità della cooperativa
  • soci abitanti, persone fisiche e giuridiche che fruiscono di servizi residenziali e di social o co-housing, mediante il recupero, la riqualificazione, la manutenzione e la gestione delle abitazioni, dei fabbricati e dei complessi edilizi a destinazione residenziale, con la dotazione dei relativi servizi necessari al  miglioramento delle condizioni abitative dei soci
  • soci volontari, che prestano la loro attività gratuitamente, esclusivamente per fini di solidarietà.

COSA PUO’ FARE LA COOPERATIVA SOCIALE DI COMUNITA’

L’organizzazione amministrativa della Cooperativa deve consentire la gestione di attività commerciali o di servizi in genere finalizzata all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate, come definite dall’articolo 4 Legge 381 dell’8 novembre 1991, e ottenere, nel  contempo, continuità di occupazione lavorativa e migliori condizioni economiche, sociali e professionali, rispondenti allo scopo comunitario di contribuire al sistema di economia sociale del territorio e al benessere diffuso e condiviso dei suoi abitanti, che sono la comunità di riferimento.

 

Le linee di azione concretamente sono e possono essere:

  • Rigenerazione e riqualificazione urbana; social housing; servizi per famiglie, bambini, anziani; stimolo a nuova attività imprenditoriali e culturali giovanili
  • Gestione centri socio-educativi, residenziali, ricettivi, di accoglienza e di svago
  • Gestione strutture turistiche, ristorative, alberghiere, aziende agricole, centri culturali e di conoscenza, centro museali
  • servizi sociali e alla persona
  • servizi educativi e di lotta all’abbandono e alla dispersione scolastica, formazione, orientamento al lavoro, co-working, promozione di comunità educanti
  • promozione, animazione e sensibilizzazione della comunità sociale attraverso percorsi di cittadinanza attiva, al fine di renderla più consapevole e disponibile alla tutela dell’ambiente, del territorio, dell’arte, della cultura e dell’identità locali, allo sviluppo umano e alla lotta contro ogni discriminazione. Questo con ogni forma di attività ed eventi utili allo scopo
  • servizi per la promozione e valorizzazione delle risorse culturali locali, arte, artigianato artistico, mestieri tradizionali, culture materiali locali, prodotti tipici; realizzazione e gestione di servizi di educazione ambientale e alimentare presso le scuole, attivazione di orti didattici,giardini botanici, aule verdi; attivazione di una rete turistico-ambientale a livello provinciale e regionale; organizzazione e gestione di attività che favoriscano lo sviluppo e conservazione delle tradizioni locali, quali feste popolari, sagre e rassegne in genere, mostre, fiere e attività per la trasmissione intergenerazionale dei saperi
  • Ideazione, promozione e vendita di pacchetti eco-turistici, viaggi e soggiorni a scopo culturale e turistico in Italia e all’estero, gestione di servizi supplementari; gestione agenzie di viaggio; servizi di mobilità sostenibile, trasporto di persone e di cose con particolare riferimento al turismo sociale ed ecologico
  • Promozione e valorizzazione dell’ambiente, del territorio, delle aree naturali e rurali, anche attraversi attività di vendita, intermediazione e marketing territoriale, gestione di parchi, itinerari, sentieri naturali, gestione di sportelli informativi, bigliettazione; servizi finalizzati alla sensibilizzazione, informazione e formazione di studenti, amministratori, comunità locali, soggetti privati
  • Attività di produzione agricola e di agricoltura sociale; coltivazione di terreni agro-forestali, finalizzati alla produzione, lavorazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti; creazione di filiere, promozione di biodistretti e reti di biodistretti;
  • Produzione, promozione, intermediazione, vendita di beni e preparati alimentari e non alimentari, agricoli e non; gestione di spacci sociali, punti vendita di prodotti agroalimentari, tipici, biologici, artigianali, della cultura locale e altre strutture similari; gestione di fiere e mercati; servizio di consegna a domicilio
  • Ristorazione e catering; attività di somministrazione; servizi mensa per comunità, con tutte le attività connesse e consequenziali
  • Promozione ed ideazione di progetti di sviluppo sostenibile, sviluppo locale ed economia sociale e ricerca di fonti di finanziamento
  • Gestione biblioteche anche attraverso il reperimento, la catalogazione e l’ordinata sistemazione dei volumi e di tutto il patrimonio storico artistico e culturale, oltreche sistemazione dei beni librari esistenti ai fini della diffusione della cultura e della sicurezza del patrimonio culturale, conservazione tramite digitalizzazione; servizi bibliotecari e noleggio di libri
  • Animazione e gestione della rete di cooperative di comunità; creazione di reti per la valorizzazione delle risorse locali e per lo sviluppo di gruppi di acquisto; promozione dello sviluppo della cooperazione, dal livello locale fino al livello internazionale in virtù della promozione dei valori di solidarietà, uguaglianza e lotta alla povertà

    Campagna Sabina Società Cooperativa Sociale di Comunità

    CF. e P. IVA 01112880578 – REA: RI-69229
    SDI: M5UXCR1

    REA: RI-69229
    Albo nazionale delle cooperative: A231779 del 16/12/2013
    Albo nazionale delle cooperative sociali: 1061
    RUNTS: dal 21/3/2022 come cooperativa sociale onlus ed impresa sociale di diritto, numero di repertorio 4941, elenco permanente 5×1000

    Contatti

    Via della Verdura 21/25
    02100 Rieti

    +39 353 4083619 – 0746 272416

    Copyright © 2024 Campagna Sabina